Responsabili e Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione

 

Uno degli obblighi non delegabili da parte del Datore di Lavoro è la designazione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, in tutte le aziende italiane indipendentemente dal numero di addetti (D. Lgs 81/08 art 17 comma b).
In alcuni casi, definiti nell’art 34 e nell’allegato 2 del testo Unico, questa funzione può essere ricoperta direttamente dal Datore di Lavoro; in altre situazioni il Servizio di Prevenzione e Protezione deve essere obbligatoriamente interno all’azienda (art 31, comma 6) ed in situazioni industriali particolarmente complesse ed articolate, la figura del Responsabile del Servizio (RSPP) può avvalersi della collaborazione degli Addetti (ASPP).

Indipendentemente dalla figura aziendale che ricopre il ruolo di Responsabile o addetto, per lo svolgimento delle relative funzioni è indispensabile possedere alcuni requisiti professionali, descritti nell’art 32 del Testo Unico; è necessario conseguire abilitazioni specifiche per le diverse tipologie di aziende, classificate in base all’esposizione di rischio per categoria, e sostenere aggiornamenti periodici anche in virtù dell’evoluzione normativa in costante rinnovamento.

La funzione del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è di supporto alle aziende ed ai datori di lavoro nel coordinare e gestire il Servizio Aziendale, che esso sia interno piuttosto che esterno. Formalmente quindi il RSPP e/o gli ASPP svolgono un ruolo di pura consulenza, tecnicamente tuttavia non sono infrequenti i casi in cui gli aspetti legati alla sicurezza siano completamente demandati a questo ruolo. Una corretta applicazione del flusso del processo di gestione del Servizio di Prevenzione, prevede che le eventuali istanze o problematiche raccolte dai lavoratori, attraverso i loro rappresentanti, pervengano all’RSPP che, coordinandosi con il datore di Lavoro, valuta la situazione, elabora le soluzioni e le propone alla dirigenza aziendale.

Oltre a queste funzioni di consulenza “estemporanea” il RSPP collabora con il datore di Lavoro nella valutazione dei rischi e nell’elaborazione del relativo documento, si coordina con il Medico Competente per effettuare la valutazione della sorveglianza sanitaria e sulla scelta degli opportuni dispositivi di protezione, si consulta con i diversi responsabili aziendali per elaborare eventuali procedure di sicurezza legate agli aspetti produttivi o procedurali, coordina la formazione da erogare al personale sulla base delle risultanze della valutazione dei rischi, ed effettua periodicamente delle ispezioni all’interno delle aziende per valutare il livello di sicurezza raggiunto, riportandone sempre gli esiti al Datore di Lavoro.
In conclusione quella del RSPP è una figura che lavora in stretta collaborazione con i vertici aziendali, e collabora in modo trasversale all’interno dei comparti produttivi affinché sia garantita la salute e la sicurezza dei lavoratori, in ottemperanza con l’evoluzione costante della normativa nazionale.

 

 


ANFOS: Associazione Nazionale Formatori Sicurezza sul Lavoro

Per maggiori informazioni:

Numero Verde: 800.589.256

E-mail: info@anfos.it