Fondo familiari vittime gravi infortuni sul lavoro, rivalutazione importi

 

27 Maggio 2019

decreto-lavoro-normativa

Il Decreto Ministeriale del 19 novembre 2008 ha individuato le tipologie di benefici previsti dal comma 1187 dell’articolo 1, della legge finanziaria 2007 (legge n. 296 del 27 dicembre 2006) che ha provveduto a istituire il Fondo di sostegno per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro, anche non coperti da assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro.

Il fondo riguarda gli infortuni avvenuti a partire dal 1° gennaio 2007 che abbiano comportato il decesso del lavoratore e riconosce un importo una tantum e una anticipazione sulla rendita, erogati rispettando i requisiti previsti all’articolo 85 del Testo Unico Inail (Decreto 30 giugno 1965, n. 1124), individuando come prioritariamente destinatari del beneficio, i parenti in questo ordine:

  • il coniuge (l’unito civilmente);
  • i figli legittimi, naturali, riconosciuti o riconoscibili, adottivi, fino al diciottesimo anno di età;
  • i figli fino a 21 anni, se studenti di scuola media superiore o professionale, a carico e senza un lavoro retribuito;
  • i figli fino a 26 anni, se studenti universitari, a carico e senza un lavoro retribuito;
  • i figli maggiorenni inabili al lavoro.

In mancanza di coniuge e figli:

  • genitori naturali o adottivi se a carico del lavoratore deceduto;
  • fratelli e sorelle se a carico e conviventi con il lavoratore deceduto.

Restano escluse le vittime di malattie professionali e di infortuni avvenuti antecedentemente al 1° gennaio 2007, anche se il decesso del lavoratore è avvenuto successivamente a tale data.

Gli importi della prestazione “una tantum” vengono rivalutati periodicamente in considerazione dell’andamento del fenomeno infortunistico e delle risorse disponibili a valere sull’esercizio finanziario dell’anno fiscale, che per il 2018 sono state stimate dal capitolo di Bilancio del Ministero del Lavoro in €3.9952.41.

Il valore del riconoscimento viene inoltre determinato in maniera crescente in considerazione della composizione del nucleo familiari dei superstiti aventi diritto.

In considerazione di quanto sopra il Ministero del Lavoro con decreto del 25 gennaio 2019 ha provveduto a determinare gli importi delle prestazioni per le vittime di infortuni gravi sul lavoro occorsi nel 2018 come segue:

  • 3.000 Euro per nucleo familiare di superstiti composto da una persona;
  • 6.000 Euro per nucleo familiare di superstiti composti da due persone;
  • 9.000 Euro per nuclei familiari di superstiti composti da tre persone;
  • 13.000 Euro per nuclei familiari di superstiti composti da più di tre persone.

Per gli aventi diritto parenti di vittime del lavoro soggette alla copertura assicurativa obbligatoria ai sensi del Dpr. n. 1124/1965 e della L. n. 493/1999 è inoltre prevista, oltre alla prestazione una tantum, anche un’anticipazione della rendita, pari a tre mensilità della rendita annua calcolata sul minimale di legge.


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy