Sicurezza sul lavoro, un anziano ogni 3 lavoratori

 

16 Novembre 2009

Questo è il dato evidenziato durante la presentazione del “Rapporto nazionale 2009 sulle condizioni ed il pensiero degli anziani”, avvenuto a Roma il 12 Novembre.
Dal rapporto è emerso che sempre in modo più attivo l’andamento demografico sta incidendo sulle condizioni lavorative.
Si pone come condizione necessaria intervenire presto e subito con politiche più adeguate alla nuova generazione di anziani, per lo più in buona salute.
Bisogna adeguare le esigenze familiari a quelle lavorative, infatti oggi una stessa famiglia è composta di tre o più generazioni, per cui le ultime generazioni sono gravate da maggiori responsabilità nei confronti degli anziani, nonché da problemi pratici organizzativi per gestire al meglio le esigenze familiari e lavorative.
Questo comporta per le ultime generazioni un impegno costante ed attivo per continuare a lavorare conciliando la possibilità di occuparsi degli anziani.
Il cambiamento sociale tra generazioni e la curva ascensionale dell’invecchiamento della popolazione richiedono interventi di adeguamento a queste nuove esigenze.
Il dato attuale parla di un terzo degli anziani ancora attivi nel mondo del lavoro, ma le stime prevedono per il 2050 un anziano ogni due generazioni.
L’invecchiamento dell’ultimo ventennio ha registrato una crescita all’incirca pari a quanto accaduto nel trentennio tra gli anni 60 e i 90; in percentuale rispettivamente per i due periodi si è registrato un aumento del 50,3% e del 53,4%.
Da questi dati è facile desumere l’aumento crescente di anziani tra la popolazione odierna.
Oggi la terza età è rappresentata da tutti coloro che sono cresciuti con il boom demografico successivo alle guerre mondiali, che si trovano in buona salute e quindi con una maggiore aspettativa di vita.
Fattori come l’invecchiamento crescente, la riduzione della mortalità e la bassa natalità rappresentano le cause che stanno contribuendo a determinare un mutamento dei rapporti sociali e familiari.
Questo è il fulcro del rapporto: la conciliazione delle esigenze familiari e lavorative; infatti in una stessa famiglia oggi sono presenti tre o più generazioni, per cui chi lavora deve trovare tempi e modalità per badare agli anziani.
Dal rapporto si prospetta come assolutamente necessario un intervento di politiche del c.d. “invecchiamento attivo”, ossia un piano studiato di interventi che consentano agli anziani di restare inseriti nel mondo sociale e contribuire, anche se in minima parte, all’inevitabile processo dinamico di adeguamento.


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy