SENTENZA 26762/2010: oblazione speciale nei reati antinfortunistici

 

24 Agosto 2010

Nella sentenza della Cassazione penale del 12 Luglio 2010, n. 26762, si prende in considerazione l’ipotesi di ammettere l’oblazione speciale (art 162 bis c.p.), causa di estinzione del reato, nelle violazioni in materia di norme antinfortunistiche.

norme antinfortunisticheIn diritto penale l’oblazione è ricompresa tra le cause estintive del reato; si distingue in semplice (art.162 c.p.) e speciale: la prima applicabile nelle contravvenzioni, la seconda ai reati puniti alternativamente con arresto o ammenda, essendo subordinata al giudizio discrezionale del giudice sulla cessazione delle conseguenze dannose e o pericolose della fattispecie di reato contestata.

Il fatto in sentenza si riferisce al legale rappresentante di due società, nonché datore di lavoro, imputato di numerose violazioni in materia di prevenzione infortuni ed igiene del lavoro, a seguito di un controllo eseguito dai Vigili del Fuoco presso la sede societaria.

Le violazioni riscontrate dalle autorità riguardavano varie violazioni in materia antinfortunistica:

  1. le uscite di emergenza chiuse con lucchetti e con materiale di ostacolo al passaggio;
  2. mancanza della segnaletica di sicurezza negli ambienti adibiti a luogo di lavoro;
  3. mancanza di illuminazione sussidiaria, utilizzabile in caso di emergenza;
  4. rete idrica antincendio inefficiente perchè priva di acqua;
  5. mancata redazione del DVR;
  6. inadeguata ed insufficiente formazione dei lavoratori in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento alla normativa antincendio.


Per tali violazioni il datore di lavoro, già condannato in I e II grado di giudizio, proponeva ricorso in Cassazione motivandolo con la possibilità di essere ammesso all’oblazione speciale a seguito della cospicua documentazione depositata agli atti.

Gli ermellini hanno rigettato il ricorso, giudicandolo infondato in quanto l’oblazione speciale è subordinata sia al giudizio discrezionale del giudice sull’accertamento dell’eliminazione delle conseguenze dannose e di altri elementi ostativi (recidive e reiterazioni), sia alla gravità del fatto così come specificato nell’intero art 133 c.p. “gravità del reato: valutazione agli effetti della pena”.

Nel giudizio definitivo i Giudici hanno considerato, secondo l’orientamento giurisprudenziale prevalente, che il mancato ripristino delle condizioni di legge, o per meglio specificare, il difetto di prova della cessazione delle conseguenze dannose costituisce un impedimento all’operatività della oblazione quale causa di estinzione del reato e quindi non può essere applicata al caso di specie.


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy