Sempre più incidenti domestici

 

01 Maggio 2010

Nell’ultimo rapporto sugli incidenti domestici elaborato dall’Istituto superiore di sanità (Iss),si legge che sono 1,7 milioni gli italiani che ogni anno finiscono al pronto soccorso per un incidente  avvenuto tra le mura domestiche. Di questi 130.000 vengono ricoverati, mentre 7.000 non sopravvivono.

Secondo il rapporto Iss, stilato sulla base dei dati relativi al biennio 2005-06, la prima causa di ricovero è la caduta (oltre il 70% dei casi): le principali vittime dei ruzzoloni sono gli ultrasessantacinquenni (75%), e per lo più si tratta di donne (56%).

Altre cause quali il rischio di soffocamento, l’avvelenamento e l’intossicazione sono, sempre dopo la caduta, le prime cause di ricovero per i bambini da uno a quattro anni (rispettivamente, il 9% e il 7% dei ricoveri). Gli uomini, secondo l’Iss, hanno il 35% di probabilità in più rispetto alle donne di finire al pronto soccorso per incidente domestico, ma solo fino ai 75 anni.

Da questa età in poi, infatti, il rapporto si inverte e il rischio diventa maggiore per le donne (+38%). I gruppi a maggiore rischio nella popolazione rimangono comunque i bambini in età prescolare e gli anziani. I luoghi dell’abitazione in cui avvengono il maggior numero di incidenti sono gli spazi esterni alla casa: in giardino e in cortile, infatti, avviene il 28% degli incidenti domestici. Questo per effetto delle cadute, delle ferite da taglio e punta e degli urti. Il 18% degli infortuni avviene poi in locali interni come la camera da letto e il soggiorno, seguiti dalla cucina (13% dei casi), dalle scale (9%) e dal bagno (4%).

La maggior parte degli infortunati, secondo l’Iss, ha un’età compresa tra i 15 e i 64 anni (56%), e più della metà è donna. In genere le vittime sono interessate da lesioni non gravi, e nell’80% dei casi vengono classificate al pronto soccorso con il codice di priorità bianco o verde. Un discorso a parte meritano bambini e anziani, che nel 30% e più dei casi necessitano di un’assistenza immediata. All’arrivo al pronto soccorso, per il 59% dei casi viene diagnosticato un trauma superficiale, per il 12% fratture o schiacciamenti, per l’8% lussazioni e distorsioni degli arti, per il 3,5% di trauma cranico e per il 2% di ustioni.

Fonte: ISS


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy