Pubblico impiego – stress lavoro correlato

 

09 Giugno 2010

L’Italia ha probabilmente evitato in extremis una condanna da parte dell’Unione Europea, modificando all’ultimo momento un comma della manovra finanziaria riguardante i criteri di applicazione del decreto legislativo 165/2001 in materia di valutazione dello stress lavoro correlato per la Pubblica Amministrazione.

legge stress lavoroNel decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 31 maggio scorso, si legge che “…al fine di adottare le opportune misure organizzative nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, previste dall’articolo 1 comma 2 del decreto legislativo 165/2001, il termine di applicazione di cui agli articoli 28 e 29 del decreto legislativo 81/08 in materia di rischio stress lavoro-correlato, viene differito al 31 dicembre 2010”.

Un provvedimento che chiude ore convulse, nel corso delle quali erano circolate versioni differenti, alcune delle quali riportavano uno slittamento maggiore nel tempo e altre addirittura una soppressione dell’applicazione della valutazione del rischio da stress lavoro-correlato nelle Pubbliche Amministrazioni.
Ipotesi, quest’ultima, che avrebbe sicuramente comportato una condanna in sede UE per la mancata applicazione delle direttive comunitarie e per il trattamento diverso riservato al lavoro pubblico rispetto a quello privato.

La decisione dello slittamento rientra nei tagli alla spesa pubblica decisi dal Governo per rimanere in linea con i conti in questa difficilissima fase economica congiunturale. Come è ormai noto, infatti, alla Pubblica Amministrazione vengono richiesti molti sacrifici. E il settore, così duramente colpito, ha protestato energicamente davanti alle ipotesi di taglio definitivo dell’applicazione del Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro, l’81/08, in particolare per quanto riguarda lo stress lavoro-correlato, patologia tra le più segnalate a livello europeo per la categoria, basti pensare agli insegnanti.

Proteste rientrate, almeno in gran parte, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del testo definitivo con il solo slittamento dell’entrata in vigore della normativa. Certo, in molti rimane il senso di precarietà che lo slittamento ha provocato nel Pubblico Impiego, che in questa manovra di risanamento economico sta pagando un caro prezzo.


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy