Dall’Assemblea della FAND malumori e minacce al Governo

 

24 Ottobre 2008

Gli Stati generali della Federazione che unisce cinque fra le storiche associazioni delle persone disabili va in scena al Teatro Valle di Roma e individua le quattro priorità da presentare al governo: ratifica della Convenzione Onu, aumento delle pensioni di invalidità, maggiori contributi alle associazioni ed equiparazione delle loro attività a quelle dei patronati. Ma di fronte al sottosegretario Martini sono presentate anche dure critiche per i tagli al sostegno scolastico, per “l’inspiegabile latitanza” dell’esecutivo e per il disinteresse dei parlamentari, “più sordi dei sordi e più ciechi dei ciechi”. Con una minaccia: “Se non riceveremo risposte adeguate, scenderemo in piazza, da soli, per difendere i nostri diritti”.
Ad agitare la base sono soprattutto i tagli al sostegno scolastico, i nuovi accertamenti sugli invalidi e il silenzio assordante del governo sulla richiesta di aumento delle pensioni: i presidenti dell’ANMIL (Associazione nazionale mutilati e invalidi del lavoro) Pietro Mercandelli, dell’ANMIC (Associazione nazionale mutilati e invalidi civili) Giovanni Pagano, dell’ENS (Ente nazionali sordi) Ida Collu, dell’UIC (Unione italiana ciechi e ipovedenti) Tommaso Daniele e dell’UNMS (Unione nazionale mutilati per servizio istituzionale) Alessandro Bucci raccolgono le critiche dei loro associati al governo e più in generale al mondo della politica, accusato di disinteresse e noncuranza, e si preparano a rendere più dura la battaglia.
“La politica non ci ha mai deluso per il semplice fatto che non ci ha mai illuso – dice il presidente Giuseppe Pagano – ma sappiamo bene che noi disabili e invalidi siamo la prima categoria a non essere udita e la prima a non essere ascoltata”. Una situazione “non più tollerabile”: di fronte “all’inspiegabile latitanza del governo, dal quale aspettiamo da settimane una risposta alle nostre richieste, è inutile zuccherare la realtà, perché la loro volontà sembra essere quella di sopprimere ogni dialogo sociale”. “Se le cose stanno così – dice – scenderemo in piazza, compatti, con una piattaforma unica, per rivendicare i nostri diritti”. Dal momento che “da Statuto siamo tutte associazioni apartitiche” – precisa il presidente UIC Tommaso Daniele – non sarà una protesta organizzata sotto le insegne dei partiti di opposizione, e proprio per questo ancora più significativa. Anche perché – rincara la dose la presidente dell’ENS Ida Collu – nel governo e nel Parlamento tutto ci sono persone “più sorde dei sordi e più cieche dei ciechi”. Un’azione che – è l’auspicio – sarà coordinata anche con le associazioni della FISH (Federazione italiana per il superamento dell’handicap), l’altra grande realtà federativa delle persone con disabilità.
Fonte: ANMIL


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy