CASSAZIONE 42500/09: sicurezza macchine

 

15 Gennaio 2010

sicurezza macchine utensili sul lavoroCon la sentenza della Corte di Cassazione n°42500/09, sulla scia di un orientamento ormai consolidato (cfr sent. 36857/09), e già seguito prima dell’entrata in vigore del Testo Unico in materia di sicurezza sul lavoro (cfr sent. 38860/05; 22036/03; 4846/03), si è ribadito che la sicurezza delle macchine durante l’attività lavorativa deve essere garantita sempre, in modo tale da evitare eventi lesivi a carico dei singoli lavoratori dovuti a negligenza e o imprudenza e che la loro “eccessiva confidenza” con l’utilizzo delle macchine cui sono addetti possa essere causa di distrazioni dannose per la loro incolumità.

Nel caso di specie una addetta alla macchina curvatubi si era infortunata riportando l’amputazione parziale di un dito della mano.
La sentenza emessa in sede di appello aveva ritenuto responsabile dell’accaduto il direttore di produzione e tecnico dell’azienda perché in qualità di responsabile antinfortunistico non aveva provveduto al controllo degli organi della macchina così come richiesto in tema di prevenzione e protezione dai rischi, condannandolo per lesioni personali colpose ex art. 590 c.p..

In seguito a tale condanna l’imputato aveva presentato ricorso in cassazione, articolando tre motivi:

1) Esclusiva responsabilità della lavoratrice per comportamento estraneo al processo produttivo e quindi a lei imputabile per propria negligenza
2) Mancata convocazione del responsabile alle riunioni periodiche in tema di prevenzione dai rischi, con conseguente sua assenza alle stesse
3) Mancanza di capacità di spesa a lui attribuita.

I giudici della Corte di Cassazione hanno rigettato i motivi addotti e dichiarato infondato il ricorso.
In merito al primo motivo di ricorso la Corte ha dichiarato che la condotta negligente della lavoratrice non poteva essere a lei imputabile perché:” le misure di prevenzione antinfortunistica sono previste proprio per evitare le conseguenze di condotte negligenti od imprudenti del lavoratore e la segregazione degli organi motori(che il ricorrente non contesta essere mancata) è prevista proprio per evitare che l’eccessiva confidenza con la macchina produca effetti gravemente lesivi dell’incolumità di chi vi è addetto e se fosse anche vera la ricostruzione del ricorrente non per questo verrebbe meno la natura colposa della sua condotta non essendo affatto imprevedibile che un lavoratore si avvicini eccessivamente agli organi motori della macchina”.

Circa il secondo motivo di ricorso i giudici lo hanno rigettato precisando che è onere del responsabile, “direttore di produzione”, chiedere di partecipare alle riunioni di discussione ed aggiornamento in tema di prevenzione delle macchine, necessaria ad evitare eventi infortunistici a danno dei lavoratori.
Per quanto riguarda il terzo motivo di ricorso la Corte ha spiegato che il potere di spesa in capo al responsabile è certo ed appurato, ma nel caso di specie la spesa atta a proteggere la macchina era di entità irrisoria, tale da non poter essere accolta come motivo di ricorso.

 


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy