Alcool e lavoro, le categorie più a rischio incidente sono autotrasportatori, portuali ed edili.

 

02 Dicembre 2009

Si parla spesso dei tanti, troppi, incidenti stradali causati dall’alcool. Ma si considera spesso con troppa leggerezza quanto questa stessa causa incida sugli infortuni lavorativi. Eppure non si tratta di casi sporadici.


Nonostante diverse leggi ne vietino l’uso sul lavoro – come la legge quadro 125 del 2001 che vieta somministrazione e assunzione di alcool sui luoghi di lavoro –  non è raro che tali norme vengano infrante con una certa leggerezza. Proprio di questo si è parlato lo scorso 10 novembre al convegno `Patologia alcool correlata e lavoro´, tenutosi a Genova e organizzato dall’Autorità portuale e dalla Società italiana di alcologia.


I dati presentati sono di quelli da non sottovalutare. Secondo Gianni Testino, direttore di alcologia dell’ospedale San Martino e presidente ligure della Società italiana di algologia,  il 30-40 per cento degli incidenti sul lavoro è da mettere in relazione col consumo di alcool. Autotrasportatori, portuali ed edili sono tra le categorie più a rischio.


Link utile:accertamento tossicodipendenze autisti


Corsi online

Associazione Nazionale Formatori della Sicurezza sul lavoro eroga diversi corsi per il personale e per i datori di lavoro in materia. In particolare vengono offerti i corsi obbligatori introdotti dal Dlgs 81\2008 Testo Unico Sicurezza.


Corsi sicurezza
sul lavoro
81-2008
Corsi
per Professionisti
professionisti
Corsi industria
alimentare
haccp
Corsi
Privacy
privacy