Il sistema di prevenzione incendi secondo il Testo Unico

 

Testo Unico Sicurezza – Prevenzione incendi

estintore incendio

Prevenire gli incendi sui luoghi di lavoro.

Il Testo Unico per la Sicurezza disciplina la prevenzione incendi sui luoghi di lavoro e nella versione aggiornata a maggio 2014, inserisce esplicitamente in calce al testo stesso il Decreto Ministeriale 10 marzo 1998, “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro”.

Già nella prima edizione del Testo Unico, risalente al maggio 2008, erano presenti dei riferimenti di carattere generale in materia di prevenzione incendi, rintracciabili per esempio nell’art 15 comma u) in cui vengono ricordati gli obblighi del Datore di Lavoro in materia di predisposizione delle misure generali di tutela nella lotta antincendio, e nell’art 17b in merito alla nomina obbligatoria degli addetti alle squadre di emergenza, ivi compresa quella preposta alla lotta antincendio.
A questo proposito un successivo interpello del 15/11/2012, anch’esso inserito all’interno del D.Lgs 81/08; chiarisce che questo obbligo vige anche per le aziende con meno di cinque lavoratori, ove tuttavia questo ruolo può essere ricoperto anche dal datore di lavoro.
In forma generale, inoltre, l’articolo 37 definisce gli obblighi in materia di formazione ed addestramento, riconducibili al datore di lavoro, per gli addetti alla gestione di questo tipo di emergenza.

Il Testo Unico entra nel vivo degli aspetti riguardanti la Prevenzione Incendi con gli articoli 43 e 46 relativi rispettivamente alle disposizioni generali ed alla prevenzione incendi in materia di “Gestione delle Emergenze”. Nell’art 46 in particolare viene illustrato un ulteriore esplicito riferimento al DM 10/03/1998; dopo aver sancito l’obbligo di adottare adeguate misure all’interno dei luoghi di lavoro, rivolte a prevenire gli incendi per tutelare l’incolumità dei lavoratori, viene infatti definito che, in attesa di opportuni decreti che regolamentino le disposizioni in materia di misure preventive, misure precauzionali, metodi di controllo e criteri per la gestione delle emergenze; continueranno ad applicarsi i criteri generali di cui al DM del 10 Marzo 1998.

Da ultimo l’allegato XXV relativo alle prescrizioni per i cartelli segnaletici illustra nel dettaglio le caratteristiche che questi ultimi devono obbligatoriamente possedere per essere conformi alla normativa; mentre l’allegato XXVII definisce sinteticamente le prescrizioni relative alla segnaletica destinata ad identificare i presidi antincendio.

In conclusione il D.Lgs 81/08 si ripropone fin dalla nascita e quindi in diverse successive occasioni, di affrontare dettagliatamente gli argomenti relativi alla prevenzione incendi sui luoghi di lavoro, utilizzando come punto di riferimento esplicito, il DM del 10 Marzo 1998.

Argomenti correlati

Corsi dedicati

 


ANFOS: Associazione Nazionale Formatori Sicurezza sul Lavoro

Per maggiori informazioni:

Numero Verde: 800.589.256

E-mail: info@anfos.it


Normativa e Sanzioni