Struttura Organizzativa

 

Sintetica descrizione delle attività professionali di riferimento
  • Promuovere, tutelare, formare ed informare la figura del professionista che si occupa di Formazione nei settori della Salute e della Sicurezza sui luoghi di lavoro, dei responsabili e degli addetti al servizio prevenzione protezione (artt. 32 – 33 del D. Lgs. n. 81/2008) nonché dell’Igiene alimentare;
  • Coordinare ed unificare le singole iniziative dei professionisti che svolgono attività nel settore della formazione, informazione ed orientamento nel campo della sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro;
  • Rappresentare e tutelare gli interessi degli associati nelle opportune sedi istituzionali riguardo trattative aventi ad oggetto lo scopo dell’Associazione medesima;
Struttura organizzativa dell’associazione : (art. 10 Statuto)
  • Assemblea dei soci
  • Consiglio Direttivo
  • Presidente
Composizione degli organismi deliberativi e titolari delle cariche sociali:

Consiglio Direttivo

  • Morelli Rolando, nato a Roma il 12 marzo 1950 (C.F. MRLRND50C12H501T);
  • Garbati Lucia, nata a Roma il 15 marzo 1976 (C.F. GRBLCU76C55H501E);
  • Lelli Fabrizia, nata a Roma il 18 agosto 1967 (C.F. LLLFRZ67M58H501L).

Presidente

  • Morelli Rolando, nato a Roma il 12 marzo 1950 (C.F. MRLRND50C12H501T)
Requisiti richiesti per la partecipazione all’associazione

Gli associati dovranno essere in possesso dei titoli previsti dalla vigente normativa in tema di “formazione dei formatori” nel campo della sicurezza sui luoghi di lavoro, di quelli relativi ai responsabili e degli addetti ai servizi di prevenzione e protezione, nonché di quelli previsti dalle norme nazionali e regionali che disciplinano la formazione degli alimentaristi.Più in particolare saranno seguiti:

icon-cog

Criteri di qualificazione previsti dalla vigente normativa in tema di formazione dei lavoratori nel campo della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, così come da ultimo approvati dalla Commissione per la salute e la sicurezza il 18 aprile 2012 (ex art. 6, comma 8, lettera m-bis, D. lgs. 81/2008 e s.m.i.);

icon-cog

Criteri di cui agli Accordi approvati il 21.12.2011 in sede di Conferenza Stato – Regioni;

icon-cog

Criteri enucleati all’articolo 32 del D. lgs. 81/2008 e s.m.i. relativamente ai responsabili ed addetti dei servizi di prevenzione e protezione

Obblighi di aggiornamento

Così come previsto dalla normativa vigente, il formatore-docente è tenuto, con cadenza triennale, alternativamente, alla frequenza di almeno 24 ore di seminari, convegni specialistici, corsi di aggiornamento (almeno 8 ore) nell’area tematica di competenza organizzati dai soggetti di cui all’art. 32, comma 4 D. lgs. 81/2008, oppure, ad effettuare almeno 24 ore di docenza nella detta area tematica di competenza. Ulteriori obblighi sono quelli stabiliti dalla singola normativa di settore.

Strumenti predisposti per l’accertamento dell’obbligo di aggiornamento professionale

Gli Associati, dal proprio canto, sono tenuti a dimostrare l’effettivo possesso dei titoli richiesti ai fini della partecipazione all’Associazione, ciò presentando tutta la documentazione all’uopo necessaria (i.e. certificazioni, attestati, diplomi etc).

L’ANFOS terrà costantemente monitorata la posizione dei singoli Associati, provvedendo periodicamente a verificare il corso di validità delle certificazioni presentate e a far sì che tutti i propri iscritti risultino costantemente aggiornati in tema di formazione ed informazione, grazie alla frequenza di corsi formativi , secondo la normativa vigente. L’Associato rinvenuto “non in regola” sarà prontamente avvertito ad opera del Consiglio Direttivo dell’Associazione in merito alle irregolarità riscontrate e, in un congruo termine, dovrà quindi provvedere alla regolarizzazione della propria posizione, ai fini del mantenimento dello status di Associato ANFOS.